Il voto (utile?)

Elezioni-astensione-attiva-ecco-cosa-succede-col-non-voto-420x270Via, ci siamo! L’Italia e gli italiani sono chiamati a fare il loro dovere civico e rinnovare circa 1000 parlamentari. Un discreto numero.

Nei giorni scorsi, in una campagna elettorale che non finisce mai, visto che noi siamo bravi a fare sempre e solo un gioco di scarica governante (togliere a tutti i costi il vincitore per piazzarsi al suo posto e rimanerci quanto più possibile), ha cercato di smuovere un po’ le nostre coscienze.

Ed è tornato, di nuovo, l’urlo e il richiamo impietoso dei due più grandi partiti italiani (PD e PDL) al “VOTO UTILE”!

Il voro è sempre utile, perché esprime il sentimento personale verso un partito o un’aggregazione di partiti e quindi, per estensione, al programma politico che sostengono. E’ utile in ogni contesto, in ogni tornata elettorale, finché sia valido e quindi non annulato o nullo o scheda bianca.

Ma il voto è utile solo se dato ai due più grandi partiti? E perché? Gli altri che sono, merde? Facciamoci a capirci, signori: io voto chi reputo degno di essere votato, che sia il candidato di un partitino da 3 voti come che abbia mezza Lombardia a sostenerlo. Voto perché sono cittadino, godo di diritti e soprattutto di doveri civici (la cara e vecchia educazione civica che si imparava negli anni ’80 e ’90 è morta e sepolta secondo me).

Con la scusante del “voto utile” si vuol portare l’Italia a un bipolarismo secco, tagliando quelli che sono partitini di sinistra, centro e destra, per fare in modo che solo PD e PDL (o chi per essi) diventino una fotocopia e una replica degli Stati Uniti d’America, dove tradizionalmente lo scontro è tra Repubblicani e Democratici. Ma la democrazia USA è vecchia, nata da una carta costituzionale scritta sul finire del 1700, mentre la nostra è nata solo nel 1946. Noi non abbiamo mai avuto un bipolarimo, se non sul finire del Novecento ma in una veste molto all’acqua di rose e nemmeno mai attecchito seriamente.

Perché solo due partiti? E gli altri? Quando in Italia c’era il sistema proporzionale, vi erano decine di partiti: era la rappresentazione della realtà del Paese. Poi si è voluto fare il solito pastrocchio, miscelando un po’ di maggioritario e un po’ di proporzionale… poi di nuovo una serie di aggiustature… ma c’erano sempre diversi partiti e diverse correnti di pensiero. Ed è qui che secondo me bisogna porre attenzione: un’unica voce, un’unica scelta, non va bene. Chi ha sentenziato che il Partito Democratico o il Popolo delle Libertà debbano essere le sole espressioni valide da mandare in Parlamento? Personalmente, non rispecchiano per niente la mia idea politica! E chi dovrei votare allora? “Disperdere” il voto in un partito più piccolo? E chi l’ha detto che è un voto perso?

Invece di lanciare spot elettorali di questo genere, cari politici, invitate la gente a VOTARE! Gli astensionisti sono la vera prima forza politica di questo paese, e questo la dice lunga su quanta fiducia venga data da tanti italiani a coloro che dovrebbero essere i rappresentanti della Nazione. Fare politica, ricordatelo, vuol dire mettersi al servizio del popolo e non sfruttare il popolo!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *