L’affaire TIM-OF

Giungono notizie, dalla finanza italiana, di diverse mosse sul fronte telecomunicazioni italiane.

A quanto pare, Telecom Italia è pronta ad acquistare OpenFiber, la joint-venture di CDP e Enel per la posta di fibra ottica, pagando il 50% di CDP con azioni e il 50% di Enel in contanti.

Telecom, mi chiedo che mossa sia questa!

Continua ad essere monopolista di fatto della rete telefonica nazionale in rame che non viene mantenuta e aggiornata, e invece di andare verso un percorso che la porti a scorporare la rete verso una società indipendente, sotto l’egida di CDP, ne compra un’altra!!

Mi chiedo a che pro? OpenFiber ha steso fibra “spenta”, vale a dire non legata ad un singolo operatore, per permettere in primis l’estensione della banda ultra larga, ma soprattutto per portarla nelle zone dette “aree grigie”, ovvero là dove il privato non avrebbe mai investito per ridotto ritorno economico (zone rurali etc), partecipando a bandi pubblici dove la stessa TIM non aveva vinto. TIM, dal canto suo, cosa ha fatto? Per non trovarsi in coda a tutti, si è messa in moto per portare la fibra, ma dove? Quasi esclusivamente nelle aree più redditizie. E grazie al c***o, diremmo! Lì sono buoni tutti a investire!

Tim continuerà a non fare veri investimenti, non farà mai ammodernamenti seri, figuriamoci portare la fibra progressivamente a tutti, al posto del vecchio doppino di rame! Con 28 miliardi di debiti, dove vuoi andare???

Avrei preferito, invece, che fosse OpenFiber ad acquistare in blocco tutta la parte hardware di TIM, ovvero tutta la divisione infrastrutture, magari insieme a Tim Sparkle (che gestisce le connessioni internazionali), addossandosi anche qualche miliardi di euro del debito, molto del personale che fa manutenzione (gli omini con la pandina rossa TIM), e che fosse così un’azienda che permettesse una seria concorrenza… non certo una cosa farlocca e astrusa come adesso.

Ci sono intere zone, ancora servite con la vecchia rete in rame (e che non vedranno MAI la fibra, come il sottoscritto), che ad ogni temporale si ritrovano senza linea fissa perché l’acqua fa andare in tilt qualche cavo… figuriamoci portarci una rete a banda ultra larga!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright © ViMac76. All right reserved. Il sito è stato realizzato da ViMac76 ed è ospitato su server Aruba.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info: http://www.vimac76.it/note_legali/cookies/ Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Info: http://www.vimac76.it/note_legali/cookies/

Chiudi