Grecia-Italia, fratelli di debito

soldi2In un articolo pubblicato su LaVoce.info, Nicola Borri e Pietro Reichlin analizzano il quadro economico della Grecia, con alle spalle il grande voto popolare del “no” ai sacrifici imposti dalla troika europea.

Mi ha colpito, alla fine dell’articolo, questa frase: “Non dimentichiamo che i problemi dell’economia greca non sono causati da uno shock reale temporaneo, o da un calo della domanda. Il paese vive al di sopra dei propri mezzi almeno dall’inizio degli anni Ottanta, e nessuna strategia finanziaria darà ai cittadini greci la ricchezza, gonfiata da aiuti massicci e credito facile, che credevano di avere.” Praticamente lo stesso problema dell’Italia! Anche il nostro paese ha iniziato ad usare massicciamente il debito pubblico per tutta una serie di operazioni di ammodernamento del paese, proprio a partire dagli anni 80, soprattutto con il governo Craxi.

Ora l’Unione Europea, la Banca Centrale Europea e il Fondo Monetario Internazionale pretendono, con la Germania a fare da megafono, che gli stati “cattivi” facciano austerità e riportino il debito sotto controllo, che impongano licenziamenti facili, tasse ancora più alte etc etc. Tutte queste manovre, chiamante ignobilmente “lacrime e sangue”, sono già state fatte, proprio a partire dal 2011, in entrambi i paesi. In Italia abbiamo avuto IMU, TASI, TARI, rincari di IVA, rincari di accise e sovrattasse provinciali e regionali. Noi ce li siamo sorbiti tutti, perché c’era da cominciare a smettere di vivere al di sopra dei propri mezzi. Peccato che, tutto questo, abbia innescato una tendenza recessiva, visto che la crisi bancaria ha coinvolo il popolo più debole. Ma la cosa che non mi torna è che le banche abbiamo avuto, caso strano, sempre il culo parato dagli stati. Gli aiuti alla Grecia sono andati a coprire i debiti con le banche francesi e tedesche per prime, non direttamente al popolo!! Stessa cosa in Italia: si è preferito immettere somme ingenti per salvare il Monte dei Paschi di Siena piuttosto che una semplice operazione di nazionalizzazione. Eh no, non si può, l’Unione Europea non lo prevede. Mi pare che non ci sia scritto da nessuna parte che bisogna salvare prima le banche e poi il popolo, o sbaglio? Ma se fosse così, questa allora è la peggiore ipotesi di Unione Europea che la mente diabolica dell’uomo potesse partorire. Mi viene in mente Altiero Spinelli, uno dei padri fondatori del movimento europeista: se fosse vivo, penso che avrebbe molto da dire sulla politica di Bruxelles. O su come sia stato snaturato, mal nutrito e storpiato il suo bellissimo progetto europeista.

Ancora una volta, si è preferito passare prima dalle banche. Ancora una volta, i politici hanno deciso che è più importante il denaro del popolo. Niente pane, niente brioches: solo fame e miseria.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright © ViMac76. All right reserved. Il sito è stato realizzato da ViMac76 ed è ospitato su server Aruba.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info: http://www.vimac76.it/note_legali/cookies/ Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Info: http://www.vimac76.it/note_legali/cookies/

Chiudi