Incidenti e responsabilità

velocità-luceLeggo sul giornale Il Tirreno, cronaca di Montecatini Terme, che è stato intitolato un cippo in memoria di una giovane ragazza, morta in un fatale incidente qualche settimana fa, per l’esattezza ai primi di ottobre.

Faccio solo una piccola premessa: rispetto sempre per i morti, sia ben chiaro. Ma al sottoscritto la dinamica dell’incidente non è del tutto chiara.

Dunque… Vorrei capire… Nell’articolo viene scritto che, e cito ciò che viene riportato dal giornalista: “Stavano tornando verso casa. A tradirli è stata la velocità troppo elevata. Quando i due ragazzi sono passati sul dosso pedonale, il loro scooter è schizzato in aria, senza controllo, per poi ripiombare sull’asfalto. Poi, la scivolata fatale verso l’albero sul bordo della carreggiata. Lei 18 anni, lui 19, sono morti sul colpo poco dopo le tre e mezzo della notte tra sabato 3 e domenica 4 ottobre, in viale Adua, a Montecatini.

Mi sorgono dubbi. L’articolo prosegue con “Una strada che invita a correre, nonostante il limite di 30 all’ora. Proprio per questo, dopo che a causa dell’eccessiva velocità si erano susseguiti nel giro di poco tempo quattro incidenti mortali, la passata amministrazione comunale aveva deciso di far realizzare, all’altezza di Largo Cacciatori delle Alpi, un attraversamento pedonale rialzato al posto delle ormai troppo pericolose normali strisce.
Secondo i primi accertamenti eseguiti dalla polizia stradale dopo la tragedia, sembra che la ragazza non indossasse il casco. E forse anche Luca non lo aveva in testa. Cosicché le conseguenze della caduta alla fine sono state letali per entrambi. Lo scooter fuori controllo è rovinato a terra, e con esso i due amici. Entrambi si sono schiantati contro uno dei massicci pini che fiancheggiano il viale. E la loro vita è finita lì.

Quindi:

  1. è notte fonda
  2. sei per strada in scooter che stai tornando a casa
  3. viaggi senza casco
  4. hai la tua fidanzata come passeggero
  5. anche lei senza casco
  6. la strada è bagnata
  7. stai correndo
  8. sai che c’è il limite a 3o km/h
  9. sai che ci sono i dossi

E allora, fermo restando che sono morti e pace all’anima loro, ma chi gliel’ha detto di correre a tutta velocità su uno scooter e per giunta su un tratto dove sai che ci sono dossi e che tutta la strada è viscida per colpa della pioggia?
Perché nessuno si è posto questa domanda???
Oltretutto il ragazzo aveva con sé pure la sua fidanzata! E te ne vai a tutto gas per strada, rischiando anche la tua ragazza che siede dietro di te?
Ma, stranamente, questo non viene accennato nell’articolo. L’attenzione è spostata sulla fatalità.
A me non sembra proprio! Se corri di notte su uno scooter con l’asfalto che è già bagnato, te la vai a cercare.
E se poi ci rimetti le penne, insieme alla tua fidanzata, allora sei un incosciente.

La morte non rende di colpo santi, le colpe rimangono e vanno messe in chiaro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright © ViMac76. All right reserved. Il sito è stato realizzato da ViMac76 ed è ospitato su server Aruba.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info: http://www.vimac76.it/note_legali/cookies/ Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Info: http://www.vimac76.it/note_legali/cookies/

Chiudi