Polveri sottili: dito puntato contro i contadini

Rispondo ad un articolo pubblicato sul sito di Report Pistoia, inerente la serata organizzata da Legambiente Quarrata e Biodistretto del Montalbano in merito all’inquinamento dell’aria. In quella occasione venivano illustrati i risultati di alcuni campionamenti effettuati dall’associazione ambientalista sulla presenza di polveri sottili inquinanti nella piana tra Pistoia-Quarrata-Prato. E sinceramente la campionatura mi pare alquanto strana.

Per prima cosa, a mio parere, i campionamenti andrebbero estesi anche alla Valdinievole e al Montalbano intero. E poi monitorati su un arco temporale di almeno 24 mesi.

Nell’articolo si parla di “febbraio e l’inizio di marzo 2018”, certo è uno dei due momenti durante l’anno in cui è consuetudine bruciare in campo aperto gli scarti delle potature. Procedura che vede coinvolta piana e collina. Ma è qui anche una sottile differenza, che non è stata presa in considerazione: quei dati sono quasi tutti riferiti alla piana.

E la collina?

Partiamo da un dato: si è sempre bruciato le biomasse, per molteplici motivi: in primis, gli scarti più piccoli delle potature, dove si annidano funghi e insetti nocivi, che devono essere distrutti (così non si ricorre alla chimica di sintesi). Poi si procede con le potature più grosse (rami e tronchi, nel nostro caso di olivi), che vengono fatti essiccare per poi essere utilizzati per il riscaldamento familiare.

Si è sempre detto “meglio la legna che il gasolio, è tutta roba naturale”, stai a vedere che non va più bene nemmeno quella. Le amministrazioni e la Regione pensano addirittura di vietare, nelle nuove costruzioni o nelle ristrutturazioni, l’installazione di stufe (legna o pellet è indifferente) e di caminetti. Il fascino del rustico toscano lo buttiamo via allora? A quanto pare si. Se un domani io dovessi ristrutturare casa, non potrei più usare né la mia vecchia stufa economica per la cucina, né tanto meno il pellet (che mi scalda in fretta), così come via il caminetto secolare! Grazie.

Altro dato che non è stato chiarito a sufficienza: se tiriamo una riga Pistoia-Bottegone-Quarrata-Prato, vi dorrebbe sorgere una particolarità, anch’essa esclusa dalle analisi. In quel tratto abbiamo la A11 Firenze-mare e la SS 66 (la ferrovia corre più a nord). Possibile che l’inquinamento da autotrazione incida così poco rispetto al resto dei dati (15% sul totale)? Mi meraviglio molto meno della percentuale sull’inceneritore di Montale, che con il 4,8% è praticamente una bazzecola. Gli inceneritori inquinano molto meno dei cementifici. Ci sono norme molto stringenti.

Per cui, signori, le proposte che avete illustrato in quella occasione, sono a mio parere parziali e non affrontabili, per lo meno non questi divieti imperativi. Se nella piana è più facile utilizzare i biotrituratori, in collina diventa un serio problema, perché gli spazi sono nettamente ristretti. Così come il trasporto degli scarti di potatura da un luogo all’altro.

Certo, se viene creata una cooperativa di lavoro, fatta di persone che acquistano e si preoccupano di recuperare nei campi gli scarti delle potature, ci fanno biomassa, rivendono il concime e con il ricavo pagano tutte le spese e gli stipendi, allora mi può star bene. Perché non so se avete mai ipotizzato cosa vuol dire per un piccolo contadino mettersi in regola per evitare di bruciare? Soldi, una montagna di soldi che spesso non si hanno, che ormai non si possono più avere a fondo perduto ma solo tramite finanziamenti (e se avevo i soldi li andavo a chiedere in prestito) e che generano solo debiti. Insomma, missione impossibile.

Concludo con una piccola provocazione: abbruciamenti no, biotrituratori sì. Quindi, si vieta di bruciare un materiale naturale, che mi sembra corretto nel caso siano rami e foglie ancora verdi, poiché in questo caso la combustione della clorofilla genera diossina. Mentre, nel caso di foglie e rami secchi, non c’è diossina ma le suddette polveri e anidride carbonica. E ditemi, i trattori che permettono il lavoro dei trituratori, che bruciano gasolio, che inquinamento creano? Il motore diesel genera particolato, polveri, zolfi… insomma, non è proprio “verde”. Però posso tenere acceso a giornate intere il trattore per triturare. Beh, certo, sul gasolio ci sono da pagare le accise, sulla legna fatta nel proprio campo invece no. Tra 10 anni facciamo la crociata contro i trattori?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright © ViMac76. All right reserved. Il sito è stato realizzato da ViMac76 ed è ospitato su server Aruba.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info: http://www.vimac76.it/note_legali/cookies/ Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Info: http://www.vimac76.it/note_legali/cookies/

Chiudi