E ci si impegna…

lavoroDevo dire che riprendere il ritmo di un lavoro non è stato per nulla facile. Perché dopo anni a fare il precario, a saltare da un lavoro all’altro, a guadagnare miserie che, messe insieme, non fanno nemmeno uno stipendio, di colpo poi ti trovi a rivoluzionare la tua vita!

Organizzare il parcheggio della macchina, l’abbonamento del treno, cercare di incastrare gli orari anche in previsione di ingorghi stradali, ritardi etc…

E poi, rimettere mano all’agenda e spararsi per arrivare a capire che in tutti questi anni ti sei preso una quantità industriale di impegni e che ora, con questo nuovo ritmo, farai molta fatica a star dietro a tutto!

Eppure… nonostante le dosi di caffè al mattino per svegliarsi, le bestemmie in diverse lingue per gli automobilisti idioti che ti sorpassano in semi curva con doppia striscia continua, la stanchezza di fare avanti e indietro con il treno, le mattine in cui pensi che la gente ha scambiato la tua carrozza per una succursale di un lazzeretto (a giudicare dai colpi di tosse, starnuti, etc etc), eppure nonostante tutto, sono felice.

Certo, difficoltà ce ne sono, tutti i santi giorni non è che il computer non mi riserva qualche blocco, o il server decide che dopo il n. 9999 non c’è nient’altro e ti lascia fermo (e ovviamente il venerdì santo alle 15:33!!!). Ma va bene. Perché è un lavoro. E’ il mio contributo a far girare l’economia. Quella di Trenitalia, con quasi 70 euro al mese di abbonamento del treno, e magari se facessero meno ritardi sarei ben più lieto di essere finanziatore dei loro stipendi. Contribuisco anche al Comune di Pistoia, con 10 euro di parcheggio (e meno male che il prezzo è politico, sennò sarebbero salassi a dover lasciare la macchina a tariffa piena). Per non parlare poi della Feltrinelli in stazione Santa Maria Novella (ho già fatto la carta punti da un pezzo!!), oppure le cialde per la macchina del caffè, etc etc etc.

Si arriva a sera, e pensi: dio bòno com’è volata la giornata! Prima invece, a far passare un giorno, sembrava ci volesse tutta la forza dell’universo! E quasi non bastava!!

Il rovescio della medaglia, che c’è anche in questo caso, è il dover trovare gli espedienti per non abbandonare le associazioni che sto seguendo. Certo, in pausa pranzo si possono mandare le email dal pc, piuttosto che telefonare per un problema piuttosto che cercare su internet le informazioni per le altre cose, ma non è mai come potersi dedicare a pieno regime. E mi dispiace, perché la mia famiglia mi ha sempre insegnato a portare a termine ciò che si è iniziati, volenti o nolenti, perché gli impegni sono una cosa seria, un po’ come il caffè a Napoli.

Uh, via, per oggi ho scritto anche abbastanza!! l fumo si alza dal monte Fato, l’ora è tarda e Gandalf il Grigio cavalca verso Isengard. Ciao a tutti!!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright © ViMac76. All right reserved. Il sito è stato realizzato da ViMac76 ed è ospitato su server Aruba.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info: http://www.vimac76.it/note_legali/cookies/ Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Info: http://www.vimac76.it/note_legali/cookies/

Chiudi